Social & Comunicazione

C’era una volta… spunti fiabeschi di comunicazione digitale

Spunti di comunicazione digitale fiabeschi: buone norme di Galateo online, prese in prestito dalle storie della tradizione

Preambolo: una breve storia triste 

Lungo il tragitto in treno per andare all'Università, ho fatto spesso incontri singolari. Del resto, di solito sono proprio questi tipi bizzarri ad attirare in particolar modo la mia attenzione e spesso si rivelano molto loquaci e desiderosi di parlare con me! Questo forse dovrebbe darmi da pensare, ma non importa... Questa mattina, però, mi è tornato in mente uno degli incontri più fortunati, un "ragazzo del treno" davvero unico nel suo genere: un dottorando di ingegneria con la capacità di parlare ininterrottamente per 40 minuti di edilizia, rotonde, convenienza di percorsi autostradali che differiscono tra loro di almeno 1 euro, ritrovamenti etruschi, ricordi di vecchie norme grammaticali latine e perfino racconti di mamme e zie alle prese con (l'arduo) tentativo di trovargli moglie. Il tutto cadenzato da formule fisse, come nel miglior stile epico della tradizione, utili a sottolineare i passaggi da una tematica all'altra, o evidenziare la fine di un discorso. Ad esempio, la formula di asserzione era sempre "Capito, capito, capito" , mentre la formula conclusiva: "Morale della favola...". Morale della favola, iniziai a cambiare vagone quando vedevo dal finestrino che stava salendo sul treno, per evitare di intercettarlo!

Leggi anche: Rimani umano di fronte alla macchina

Cosa possiamo imparare da questa storia? 

Pur tuttavia, la fiaba che ci accompagna oggi è un'altra. Parliamo di comunicazione digitale, modi di porsi online, il galateo nell'era dei Social e della condivisione. Come sempre, però, lo affrontiamo da un punto di vista diverso, prendendo in prestito qualche consiglio utile di comunicazione digitale dalle tanto amate fiabe della tradizione. Dalle fiabe si può sempre imparare e chissà che qualche spunto non ci faccia comodo anche nella vita di tutti i giorni!

Imparare dalle fiabe 9 trucchi di comunicazione digitale

1) Cenerentola

La storia di Cenerentola la conosciamo tutti: fanciulla orfana schiavizzata dalla matrigna, ballo, principe, scarpetta. Ed è proprio la scarpetta quello che qui ci interessa, per poter affermare che: Il comunicatore non fugge a mezzanotte! Se ci tieni alla tua comunicazione digitale e vuoi mantenere buoni rapporti con chi ti segue, non puoi sparire abbandonando i tuoi lettori o utenti.  Non ci si può permettere di fuggire nell'anonimato della nostra casetta da pulire, rimanendo nell'ombra e facendo finta che quella scarpetta non ci calzi.  Abbiamo dei doveri nei confronti della nostra Community e fuggire senza preavviso non è considerato educato.  Almeno, questo recita il Galateo Online!

2) Pinocchio

Indovinato già il consiglio di comunicazione digitale? Esatto: non mentire.  Inutile fingere di essere chi non siamo, condividendo contenuti che non sentiamo nostri, prendendo in prestito filosofie che non appoggiamo.  Se in un primo momento la tattica del Pinocchio-online potrà sembrare efficace, alla lunga non funzionerà e vi potrà portare all'effetto Cenerentola di cui parlavamo: fuggire, sparire nel nulla, e con gran disappunto del vostro pubblico! (altro…)

Di Alessia Pellegrini, fa
Scrittura

Corso gratis di scrittura e altri errori frequenti

Corso gratis di scrittura ed altri errori di grammatica gratuiti

Per tutti quelli che "Gratis è un avverbio, non un aggettivo" e quelli che "Oh mio Dio, metti un punto e virgola tra quelle coordinate!", ecco un articolo su misura per i maniaci della grammatica italiana. Non si tratta di pazzia: questa è l'Italia! [Cit.] Ho riunito qui per voi 5 errori grammaticali frequenti che cadono sotto la nostra attenzione tutti i giorni. Li troviamo utilizzati tra i metodi di persuasione delle pubblicità, oppure dentro a slogan, discorsi pubblici e tante altre fonti scritte più o meno autorevoli.

Leggi anche A caccia di refusi: ecco come individuarli!

Facile fare i maniaci grammaticali con i post su Facebook, ma siete sicuri di aver individuato questi 5 errori grammaticali frequenti ai "livelli alti" di pubblicazioni scritte? Giudicate voi! (altro…)

Di Alessia Pellegrini, fa
Pensieri al volo

5 pensieri felici prima di andare a dormire

A volte non è facile prendere sonno. La mente non vuole spegnere la luce. Pensi a quello che hai fatto durante la giornata, a quello che avresti dovuto fare e non hai fatto, al futuro, ai problemi, alle mille complicatissime possibili soluzioni.  Il cervello corre all'impazzata e si rifiuta di arrendersi, di concederti il meritato riposo.  Perché non sei così attiva alle 8:30 di mattina, cara mente notturna? Perché ti sobbarchi i problemi del mondo intero e non sembri capace di risolvere nemmeno questa banalissima equazione: notte = dormire?

I pensieri razionali contro l'insonnia

Ve lo confesso subito: non funzionano.  Non hanno funzionato, nell'ordine: tisane, bagni caldi, libri, auto, viaggi, fogli di giornale... Non sono servite a niente le Night Routine decantate su Youtube o sui siti di crescita personale.  Poi, una notte insonne, è arrivata l'illuminazione Se l'obiettivo è quello di mettere a tacere una mente agitata una volta per tutte, la soluzione non può venire da lì, dal pensiero razionale.  Figurati se un nuovo cavillo logico può scacciarne di vecchi!

5 buoni pensieri prima di andare a dormire 

Per addormentarmi avrei dovuto andare oltre, oltre la logica, memore del monito: 
La logica ti porta da A a B; l'immaginazione ti porterà dappertutto
...e forse anche nel mondo dei sogni? Proviamo ad abbandonare le zavorre della razionalità e lasciamoci trasportare dalla fantasia, in un mondo di sogni ideale e pacifico, proprio come quando eravamo bambini.  (altro…)

Di Alessia Pellegrini, fa
Scrittura

Correzione grammaticale e ortografica: 5 consigli utili

A caccia di refusi: nuovo sport nazionale di chi fa della correzione grammaticale e ortografica il suo mestiere -e il suo stile di vita

Correzione grammaticale e ortografica sono il lasciapassare per il magico mondo degli articoli online e non solo.  Che si parli di correzione di bozze, proofreading o semplice pignoleria, nel mestiere di scrivere per il web non si può prescindere dalla correttezza grammaticale.  (altro…)

Di Alessia Pellegrini, fa
Scrittura

Come scrivere la tristezza: tra formalità ed emozione

Come scrivere la tristezza: consigli e riflessioni sulla scrittura creativa legata all’emotività Emotività e sensibilità -come sappiamo- sono gli ingredienti fondamentali di ogni buona ricetta di scrittura creativa. Non servono piatti troppo elaborati per apprezzare una scrittura curata al punto giusto, ricca di sensibilità e capace di comunicarci con leggerezza Leggi tutto…

Di Alessia Pellegrini, fa