A volte non è facile prendere sonno. La mente non vuole spegnere la luce.
Pensi a quello che hai fatto durante la giornata, a quello che avresti dovuto fare e non hai fatto, al futuro, ai problemi, alle mille complicatissime possibili soluzioni. 

Il cervello corre all’impazzata e si rifiuta di arrendersi, di concederti il meritato riposo. 
Perché non sei così attiva alle 8:30 di mattina, cara mente notturna?
Perché ti sobbarchi i problemi del mondo intero e non sembri capace di risolvere nemmeno questa banalissima equazione: notte = dormire?

I pensieri razionali contro l’insonnia

Ve lo confesso subito: non funzionano. 
Non hanno funzionato, nell’ordine: tisane, bagni caldi, libri, auto, viaggi, fogli di giornale…
Non sono servite a niente le Night Routine decantate su Youtube o sui siti di crescita personale. 

Poi, una notte insonne, è arrivata l’illuminazione
Se l’obiettivo è quello di mettere a tacere una mente agitata una volta per tutte, la soluzione non può venire da lì, dal pensiero razionale. 
Figurati se un nuovo cavillo logico può scacciarne di vecchi!

5 buoni pensieri prima di andare a dormire 

Per addormentarmi avrei dovuto andare oltre, oltre la logica, memore del monito: 

La logica ti porta da A a B;
l’immaginazione ti porterà dappertutto

…e forse anche nel mondo dei sogni?

Proviamo ad abbandonare le zavorre della razionalità e lasciamoci trasportare dalla fantasia, in un mondo di sogni ideale e pacifico, proprio come quando eravamo bambini. 

Ecco le mie 5 fantasiose strategie:

  1. Non contare le pecore, se non nel tè. Vi spiego: quando i pensieri negativi ti attanagliano, la negatività si intromette anche nell’immaginazione. 
    Ecco che una fantasticheria si trasforma in brutto sogno. Nel mio caso, saltando la famosa staccionata per riuscire ad addormentarsi, le pecore rimanevano incastrate, o peggio.

    Allora dobbiamo ingannare il pensiero logico e giocare d’astuzia: le mie pecore saltano nel tè.
    Non escludono, a volte, anche tisane o cioccolate calde.

    Non bollenti eh, non vorrei si scottassero, ma dovreste vedere -immaginare- come quella morbida e voluminosa lana si lava nell’infuso come in un bagno caldo, profumato e piacevole. 
    E poi le pecore sono molto buffe tutte bagnate di tè!
  2. Vola oltre il cancello. Questa fantasticheria prende spunto da un sogno che facevo sempre da piccola, quello di volare. 
    In particolare volavo (o tentavo di farlo) oltre il cancello di casa mia. 
    Per addormentarsi ho scoperto che immaginare di volare è davvero un potente sonnifero! Sognate di percorrere volando un percorso a voi noto, magari la strada da casa a scuola/lavoro, o verso la pizzeria.
    Una rottura degli schemi razionali piacevole e capace di infondere serenità e motivazione
  3. Immagina i colori. È un modo per addormentarsi forse un po’ più difficile, ma dovete lasciarvi andare e provare. 
    Partite con l’immaginare un colore come il rosso. Dovete pensare non a degli oggetti rossi, ma al Rosso in sé, che riempa tutto lo spazio della vostra mente. Niente spazio per altro che non sia rosso. Poi, mano a mano, sfumate nell’arancione e poi giallo, verde, blu e viola. Un arcobaleno immaginario avvolgente e suggestivo, perché la fantasia può darci tutto quello che c’è al mondo e anche tutto ciò che non c’è. 
  4. Dai un ballo. In maschera o dal vivo, organizzare un ballo nella propria mente potrà essere un modo divertente per concludere la serata.
    Tra gli invitati, non escluderei persone a voi care e piacevoli, presenti e passate. Chiunque vorreste con voi, senza eccezioni.
    Se volete, anche i “nemici” potranno venire, nella veste che preferite.
    Ovviamente è un ballo della fantasia, quindi i vostri invitati potranno partecipare in forma umana o in forma felina, canina o quella dell’animale che più preferite!
  5. Vivi sott’acqua. Dopo aver fatto un giretto tra le nuvole, ampliamo i nostri orizzonti in un nuovo contesto fantastico: l’oceano. Come ci comporteremmo se, come i pesci, potessimo vivere in fondo al mare?
    Come sarebbe vedere tutto velato di blu, vellutato e ovattato?

Solo una regola, ma non infrangerla: immagina immagina immagina!

Lascia un commento:


Alessia Pellegrini

Studentessa di lettere e coltivatrice di sogni. Li annaffio, li nutro e mi addormento con loro alla sera. In questo spazio parlo delle mie passioni, in particolare di scrittura creativa e scrittura per il web. Amo imparare, sperimentare e crescere, pur rimanendo sempre un po' bambina.

4 commenti

Federica Mutti · gennaio 13, 2018 alle 12:22 am

Che bello questo articolo Alessia!

Sai cosa mi diceva mio papà quando da piccola non riuscivo ad addormentarmi? “Pensa a qualcosa di bello”. E ha sempre funzionato!
Mi inserisco nella cerchia delle persone che fanno le ore piccole e che la sera vorrebbero fare di tutto tranne che andare a letto, ma quando mi infilo tra le coperte e la mia mente inizia a vagare pensando a tutte le cose belle che ho in programma di fare e che mi aspettano, bastano pochi minuti per crollare nel sonno più profondo (e sereno)!

A prestissimo!

Federica

    Alessia Pellegrini · gennaio 14, 2018 alle 12:23 pm

    Grazie Federica!
    “Pensa a qualcosa di bello” è un consiglio meraviglioso e dovremmo ricordarlo sempre, non solo da bambini!
    Devo imparare anche io a fantasticare di più sui sogni e progetti futuri, cercando di guardare al futuro, al di là di quello che è stata la giornata e di ciò che è successo in passato.
    Guardare avanti è sempre un ottimo metodo per spronarsi e rasserenarsi!

    A presto!!

Stefania · gennaio 14, 2018 alle 12:20 am

Estremamente interessante! La mia mente è in funzione h24, spesso con il libro risolvo ma alcune volte proprio non si placa e pensa principalmente al lavori. Quando poi si lavora online è ancora peggio distaccarsi! Cercherò la prossima volta di seguire questi divertenti consigli

    Alessia Pellegrini · gennaio 14, 2018 alle 12:25 pm

    Grazie Stefania!
    Ho il tuo solito problema e sì, hai proprio ragione, quando si lavora al pc è anche peggio! Spesso una buona lettura può aiutare, ma a volte sono troppo stanca e ho difficoltà a concentrarmi ancora su qualcosa da leggere. Oppure ho gli occhi fisicamente troppo affaticati.
    Spero che questi suggerimenti possano esserti utili!
    A presto!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *