Tre parole per il 2018, e tutte con la C